BENVENUTI A RIVAVERDE

CENNI STORICI

Le prime tracce di insediamento umano a Rivaverde risalgono al 550 a.C. e sono riconducibili alla civiltà etrusca. Viene occupata dai galli e infine passa ai Romani che intraprendono una grande opera di centuriazione che suddivide la campagna in un perfetto reticolato ancora oggi parzialmente visibile. Dopo la caduta dell'impero romano, si susseguono le dominazioni gotica, bizantina, longobarda. In epoca medievale, dopo un periodo sotto il potere dello Stato Pontificio, diviene un libero comune che, con vicende alterne, lo vedranno oscillare tra libertà comunali e sottomissione alla Chiesa o a signori locali. Nel 1200 si insedia nella città un ramo collaterale degli Este che nel 1400 convoglia nella potente famiglia locale dei Lombardi. Nella seconda metà del 1600 si insedia nella città, proveniente da Venezia, la famiglia Rubini.
Nel 1796, con l’arrivo delle truppe francesi di Napoleone Bonaparte e con la creazione di una serie di repubbliche, dipendenti da quella francese, che tra i vari territori, andavano ad annoverare anche quello emiliano, compreso nella Repubblica Cispadana, Rivaverde fiorisce nella sua prima vera e propria esperienza repubblicana. E’ questo il periodo in cui la città, letteralmente esplode a livello culturale e economico, sotto l’egida della famiglia Rubini che la trasforma da centro periferico in una grande città moderna.
Sebbene dopo il 1900 la città non godette più del benessere e il lustro conosciuto nel secolo precedente è ancora oggi un centro importante che annovera una popolazione di circa 300.000 abitanti e un’economia che, sebbene la crisi in atto, prospera.

INFORMAZIONI GENERALI SULLA CITTÀ

Rivaverde, nata Celsians (terra fiorente), divenuta Ripa Viride sotto la dominazione romana e nel tardo medioevo infine Rivaverde, è una delle mete turistiche più interessanti dell’Emilia Romagna.
La fanno tale il ben conservato centro storico, circondato quasi interamente dalle sue antiche mura, tagliato dalla sua via principale, Via Raselli, che con singolare struttura sinuosa, in un bell'effetto di portici e monumenti racconta una storia lunga diversi secoli.
Palazzo Rubini, Il Teatro Rubini, la sua stupenda Cattedrale dedicata a San Michele Arcangelo, le antiche mura medioevali e la sua splendida passeggiata ci immergono nei vari periodi della sua storia che culmina nel boom economico e culturale nell’ottocento, sotto l’egida dei suoi più famosi mecenati, appartenenti alla nobile famiglia dei Conti Rubini.
Oltre al centro storico la città è caratterizzata fondamentalmente in altri quattro grandi quartieri.
A nord ovest, dalla porta dei condannati, si ha accesso al quartiere del parco, sede tra l’altro della zona universitaria, della biblioteca, della sinagoga locale, del rinomanto museo di Storia, con la sua splendida collezione e naturalmente dei principali parchi della città, il più remoto dei quali è il Parco al Lago.
Nella zona sud est della città si sviluppa l’ampia zona degli ospedali con la sua eccellente struttura sanitaria, Il San Salvatore, famoso in tutta la regione per l'efficienza e la competenza del suo personale e più marginalmente, su una collina sinuosa sorge uno dei più spettacolari monumenti medioevali della regione, l’Abazia Benedettina del Monte, con i suoi tesori ricchi di fascino e storia.
A nord est si sviluppa il quartiere della stazione tagliato dalle Vie Saturno ed Euterpe, che ospita la sede del giornale locale, l'Eco di Rivaverde, il principale centro commerciale e la zona industriale della città, mentre nella zona sud ovest sorgono i sobborghi, la zona più recente della fiorente città.

INFRASTRUTTURE E TRASPORTI

La città e la sua area metropolitana sono poste in una posizione vantaggiosa a livello geografico che, pur collocandola al margine meridionale della Pianura Padana, la pone, quasi come punto di passaggio obbligato, al centro delle vie di comunicazione che collegano il Nord dell'Italia col Mezzogiorno.

Strade

Rivaverde sfrutta la sua vicinanza con altri centri importanti come Bologna e usufruisce dei principali snodi autostradali d'Italia: la A1 "Autostrada del Sole" Milano-Firenze-Roma-Napoli; l'asse adriatico A14 Bologna-Ancona-Taranto; la A13 Bologna-Padova. La sua strada provinciale si immette nel raccordo autostradale che circonda la città a sud, ovest ed est ed è affiancato per circa 30 km dalla tangenziale.

Ferrovie

Rivaverde costituisce un grande nodo ferroviario, ed essendo collocata sulla linea Milano-Firenze-Roma-Napoli, vanta un buon collegamento con le principali città d’Italia.
Si stima che attraverso lo snodo ferroviario di Rivaverde transiti oltre l'85% del traffico nazionale fra Nord e Sud, escludendo i traffici via La Spezia (per Milano e la Francia) e quelli minori via Ravenna - Ferrara e via Ferrara - Suzzara - Parma.

Aereoporto

La città di Rivaverde non possiede un'aereoporto, ma si appoggia a quello della più grande città vicina ed è servita da un buon servizio navette che coprono il tragitto, regolarmente, giorno e notte, in un paio di ore scarse. Il Bus Terminal, è situato dietro la stazione.